croce-del-monte-mincucco-santa-brigida

Monte Mincucco da Caprile alto di Santa Brigida


Dislivello: 870 m
Tempo di salita: 3 ore
Difficolta’: escursionisti
Acqua sul percorso: Si

Da Caprile alto (970 m) si va in piano verso Nord entrando subito nel bosco. In breve si e’ ad un bivio (cartello indicatore), dove si prende a sinistra e in graduale salita, superando due vallecole, si raggiuge la radura di Baita Merenda. Si prosegue in salita, a tratti impegnativa, sempre sul lato destro idrografico della Valle Serrada, guadagnando infine il dosso pascolivo della Casera Serrada. Lasciata la Casera, si sale attraversando prima verso ovest e poi verso nord la magra conca pascoliva solcata da numerose vallecole. Con bella vista sulla Val Mora si traversa l’ennesimo impluvio e si sale con stretti tornanti il ripido pendio, toccando un abbeveratorio e poi, con ultima piega a sud (destra), lo Stallone Mincucco (Mincöcc), alla cima dell’Alpe Mincucco-Serrada. Con breve tratto pianeggiante verso nord si arriva infine alla Baita Mincucco (1840 m).

Monte Mincucco - 1.832 m

Reportages del Monte Mincucco 

– Caprile Basso – Val Serrada – Mincucco – Casera di Serada – Val del Vai – Caprile Alto
Continuando in diagonale verso sinistra si risale il pendio fino a guadagnare il pianoro superiore dal quale è già ben visibile la Baita Foppa Alta sovrastata dall’anticima del Monte Mincucco. Dalla Baita Foppa Alta lungo un costone si rimonta con facilità il primo dosso e da qui, dopo essersi abbassati per pochi metri alla vicina depressione, si risale la larga cresta meridionale del Monte Mincucco (2001 metri)….

– Piani del Monte Avaro – Monte Mincucco (2001 m)
E dopo la Mencucca ecco il reportage del Monte Mincucco sulle pendici del gruppo Ponteranica e Valletto. La partenza dai Piani dell’Avaro (1645 m), si attraversa il pascolo costeggiando a destra un piccolo laghetto e si percorre per un tratto la strada agrosilvopastorale sino alla Baita Foppa (1765 m) e da qui, dopo aver oltrepassato il piccolo torrente che scende dalla costiera monte Avaro – Triomen, si risale alle sovrastanti Baite della Croce (1812 m) dalle quali si raggiunge la sella del monte Foppa affacciandosi così sulle valli di Caprile e Serranda. Con un ampio semicerchio in falsopiano si procede a mezzacosta sul sentiero scavato nella roccia giungendo in una conca e ad una caratteristica baita (1911 metri).

Monte Mincucco

– Trekking in Val Mora: la Val di Vai e il Monte Mincucco
Oggi escursione “festiva” in Alta Val Mora: per chi non lo sapesse valle tipicamente alpina solcata dall’omonimo torrente burrascoso che scende a strapiombo tra le erte rupi. La parte alta è occupata dal Lago di Alta Mora appena sotto la Ca San Marco, mentre sul fondo della valle si incontrano i suggestivi abitati di Valmoresca (raggiungibile con una carrozzabile da Averara, Caprile Basso (comune di Santa Brigida ed ex avamposto veneto, anch’esso raggiungibile in macchina dalla carrozzabile per Valmoresca) e Caprile Alto (in macchina da Santa Brigida). Questi borghi erano collegati al Passo San Marco dall’antichissima Via Mercatorum, antecedente alla Priula che invece sale dal più agevole versante di Mezzoldo…

Monte Mincucco da Ponteranica

Monte Mincucco (cima 2001 m – croce 1832 m) dai Piani dell’Avaro
Panoramica cima (2001 m), elevazione posta su ampia cresta, facile da raggiungere sulle pendici del gruppo Ponteranica e Valletto, segnata da un grande omino di pietre.
L’elevazione si abbassa su pascoli fino alla Baita Mincucco (1840 m) con accanto altare in pietra con piccola croce in ferro e si conclude con un torrione roccioso, sulla cui cima è posta una grande croce di legno (1832 m).
La cima è cara e frequentata dagli abitanti di Santa Brigida, che si ritrovano d’estate per una Messa celebrata all’altare in pietra vicino alla Baita Mincucco.
La cima del Monte Mincucco (2001 m), si raggiunge facilmente partendo dai Piani dell’Avaro (1700 m), da dove si può discendere alla Baita (1840 m) con le croci, come ho fatto io, oppure, con percorso più lungo e più impegnativo, partendo da Caprile Alto, frazione di Santa Brigida (970 m), risalendo dalla Val Serrada alla Baita Mincucco (1840 m) e da qui alla cima del Mincucco (2001 m). Raggiungibile anche partendo da Ca’ San Marco.

monte-mincucco-santa-brigida

PERCORSO:
Piani dell’Avaro (Albergo-Rifugio Monte Avaro, 1700 m) > Baita Foppa (1765 m) > Sella tra Monte Foppa (1985 m) e Il Collino (1862 m) > Attraversamento alta Val Serrada > Baita Foppa Alta > Cima Monte Mincucco (2001 m) > Baita Mincucco (1840 m) > Altare in pietra con croce in ferro > Croce in legno sul torrione roccioso del Mincucco (1832 m) > Risalita sulla cresta del MIncucco > Rientro ai Piani dell’Avaro con passaggio alla cimetta de ‘Il Collino’ (1862 m)
Distanza: Km 10,3
Dislivello: positivo 950 m, perdita in elevazione -946 m
Difiicoltà: per escursionisti (in presenza di neve-ghiaccio servono ramponi o almeno ramponcini)

Tempi: circa 4/5 ore per l’intero percorso
A margine della descrizione annoto che l’itinerario è molto interessante ed appagante su percorso facile ma non banale, sempre panoramico sia a monte con la vista sul gruppo del Tre Signori e la splendida costiera del Triomen-Valletto-Ponteranica, sia a valle con spettacolare panorama sull’alta Valle Brembana e la cerchia di Prealpi e Alpi Orobie che va dal Pizzo del Becco, alla conca di Ca’ Passo San Marco col Fioraro, ai gruppi montuosi Cavallo-Pegherolo-Secco e Arera-Menna-Alben,al dirimpettaio Venturosa e verso le Grigne.
Lascio la parola alla visione delle immagini.
Buona visione e buona escursione (in presenza di neve servono ramponi o almeno ramponcini, come nel mio caso!).

Scrivi la tua recensione:

Scrivi la tua recensione:

Pubblicato in ITINERARI BERGAMO, NATURA BERGAMO e PROVINCIA BERGAMO